Scoperta

 Tre settimane fa.

“Giulia, sei a pezzi. Hai l’umore più nero delle vendite a Cortina, ti incazzi per ogni piuma che cade, non hai mai tempo per te, la tua igiene personale fa schifo, non parliamo della depilatio, son giorni che non riusciamo nemmeno a parlare insieme. Quindi ho preso una decisione. Da oggi faremo una sera io e una sera tu. Oggi tocca a me. Metto a letto io i Bubini.”

La prime due sere ho fatto finta di andarmene di casa. Mi sono nascosta in lavanderia per non farmi sentire. Al buio. E anche piuttosto al freddo.

Dopo le reazioni inconsulte del Papais e del mio intestino (non contemporaneamente), ho deciso che era ora di finirla con i sotterfugi. La Bubi doveva accettare la cosa e basta. [n.d.a. Per il Bubino il problema non si è mai posto. Lui si mette nel suo letto e dorme, incurante di chi ce lo abbia messo].

La prima volta la Bubi ha piantato un dramma che neanche Eleonora Duse. Io ho tenuto duro. Solo perché il Papais mi ha minacciato di una morte lunga e dolorosa se avessi ceduto. La seconda sera ha frignato senza urlare e mi ha chiesto di rimanere con lei solo finché finiva il latte. E poi basta.

Ora la routine è diventata questa. Una sera il papà, una sera la mamma. Liscio come l’olio.

Tre settimane fa.

“Giulia, Bubino oggi ha chiesto di restare senza pannolino. Domani ricordati di portare al nido tre paia di mutandine e tre paia di pantaloni di ricambio.”

“Cosa? Come? Dove? Ma non c’è scritto in tutti i libri che lo spannolinamento si fa in estate? Ma io non sono pronta, non ho comprato niente, a casa ho solo body, non ho canottiere, non ho magliette, e non posso mica mettergli gli slip di sua sorella, quelli con i Barbapapà sono anche carini, ma quelli di Bambi, no, eh? Che poi io sono per crescerli senza preconcetti maschio/femmina, ma questo mi sembra troppo…”

“Giulia, stai tranquilla. Possiamo cominciare anche lunedì.”

Mi aspettavo una lunga maratona tra pozzanghere e rifiuti (vedi qualche mio post di ormai 2 anni orsono qui e qui).

E invece il Bubino sta ormai asciutto tutta la mattina. E gran parte del pomeriggio. E -udite udite-anche di notte. Con la cacca siamo ancora in rodaggio. Quel canederlo marrone gli suscita ancora una certa curiosità ed è più bello ammirarlo che farlo tuffare nel water. In ogni caso, vedermi quel nano girare per casa con le mutandine nere e la maglietta grigia, gli stessi colori del Papais, mi fa saltare il cuore.

E sono rimasta elettrizzata da questa scoperta.

I problemi riescono a risolversi senza che io faccia fondamentalmente un cazzo.

Annunci

8 thoughts on “Scoperta

  1. anche per noi il momento nanna è così, matteo il primo già da un’ora prima si assicura che ci sia io…e le sere che esco appena si accorge che non ci sarò mi chiede se mai mi rivedrà ancora (si farà l’attore!).. quindi si riesce ad uscire dal tunnel… proveremo con grande gioia del papà che me la butta lì spesso ma io non cedo alle richieste di matte.
    e anche qui Sara sarebbe pronta per spannolinare e io continuo a dire: ma non è estate! quindi possiamo farcela anche su questo fronte
    grazie..mi fai sentire a casa!

    • Che bella cosa dici Anna: “Mi fai sentire a casa”. E’ una delle più belle cose che mi abbiano mai scritto. Comunque sì, se ce l’ho fatta io ce la possono fare veramente tutti 🙂

  2. E’ perchè tu sei una fichissima.
    Comunque ha ragione il Papais, come sempre: tien duro con la piccoletta, l’osso duro di casa.
    Io però adesso basta: devo conoscervi, capito???

    Susibita

    • Ammazza, “una fichissima” è un’altra delle cose più fiche che mi abbiano mai scritto. La mia autostima sta schizzando alle stelle. Aiuto, chi la ripesca adesso?? Capito, capito, riparliamone in private che forse si organizza, dai!

  3. Anche per noi, per la nanna vuole solo me e la fa lunga, mentre con il papà piange lì x lì, ma poi va meglio!vorrei riuscire ad addormentarla nel suo lettino senza pianti disperati ogni sera……..il fatto è che cedo, non ce la faccio a sentirla piangere così e invece di andare avanti, andiamo indietro!E’ vero che va tutto bene anche senza di noi, anzi forse va meglio, la mia fa meno capricci se non mi vede!:-)

    • Questa cosa che con noi fanno più capricci è tremenda. Però guarda il lato positivo: è che con noi si sentono più liberi di comportarsi come si sentono, senza essere per forza controllati, precisi, regolati. Con la mamma ci si rilassa, accidenti, è anche giusto così… però qualche volta che due maroni!

  4. wow…lo spannolinamento più veloce del west…..ma perdona la mia ignoranza…quanto ha bubino????

    per la nanna….noi da quando ha avuto l’influenza si è barricato nel lettone e non riesco….o meglio…è pigrizia mia non impormi…..aspetto che faccia un pochetto più caldo…alzarsi 2/3/4 volte a notte con sto freddo….non mi va…..
    che pigraaaaaa

    • Bubino ha fatto due anni poco prima di Natale. Ce ne sono di molto più veloci di lui, per carità, però per me resta un mito assoluto. A fine anno innalzerò un monumento alla sua maestra del nido, giuro!
      Per la nanna, cosa vuoi che ti dica? io con due figli e quattro anni di esperienza penso di aver infranto assolutamente TUTTE le regole della messa a letto e della nanna. E quanto a pigrizia, penso davvero di non avere rivali 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...