Lo sbattezzo

Ego te sbaptizo.

Dodici mesi.

Dodici chili.

Dodici risvegli nella notte nera,

vorrei dormire per una vita intera.

Dodici i minuti che resti nel lettino,

poi piangi e vuoi sempre qualcuno vicino.

Dodici capocciate ti prendi al giorno,

se non ti blocco t’infili anche nel forno.

Dodici dentini che dovrebbero spuntare,

ne hai solo due e gli altri ti fan penare.

Dodici cose con due mani vorresti afferrare,

nove le lecchi e tre le stai per ingoiare.

Dodici secondi ci ho messo a innamorarmi,

non m’importa se non riesco mai a riposarmi.

Dodici volte in 48 ore

è la media della tua evacuazione.

Se la cacca è sintomo di abnegazione,

tu dell’umanità diventerai un benefattore.

Eri Patato, ma non lo sei più da tempo.

Ora che hai un anno è arrivato il momento,

altro che Patato, tu sei un portento.

Avevo scelto un nome troppo metaforico.

D’ora in poi sarai Bubino. Più generico.

Annunci

One thought on “Lo sbattezzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...