Tossicodipendenze

I Bubini creano dipendenza.

L’ha dimostrato il Papais quando eravamo al mare. Tra un mojito e un amaro mi inviò il famoso sms: “Odio questo tempo libero”. Non credo che lo cancellerò mai. Potrebbe sempre tornare utile a scopo ricattatorio.

L’ha dimostrato il Nonnoprof, che è stato il mio insostituibile “ragazzo alla pari”. Dopo tre settimane con noi, mentre si godeva le meritatissime vacanze in Sicilia, ancora aveva il coraggio di dire che i Bubini gli mancavano.

Il Nonnoprof è una figura mitica nella vita dei miei Bubini e non ho ancora parlato molto di lui in questo blog solo perché non ho ancora trovato le parole giuste. Il Nonnoprof era un papà uscito dal Sessantotto, che ci faceva il bagno e ci leggeva storie. Era generoso, instancabile, fantasioso, paziente, allegro e attento. E ora è irrimediabilmente, definitivamente Bubino-dipendente.

L’infezione è scoppiata con la Bubi. A dieci mesi, le preparava pappe e le cambiava pannolini con l’abilità di una nanny inglese. A 12 mesi, insisteva perché non andasse al nido. A 18 mesi le insegnava nomi impronunciabili di piante e fiori. A 24 mesi le mostrava affreschi e mosaici.

Con l’arrivo del Patato il morbo è dilagato senza ritegno. Il Nonnoprof si presentava alle 8 del mattino per darmi una mano. Se ne andava alle 6 della sera con l’immancabile patacca di rigurgito sulla spalla e con il sorriso estatico di chi si è appena sparato la sua dose.

Al mare non ha dormito. Non ha letto. Non ha riposato. Ma alle sei della mattina scattava al primo vagito del Patato. E mentre noi ci scambiavamo le prime coccole, veniva a osservarci. Discreto. Con gli occhi umidi.

Annunci

6 thoughts on “Tossicodipendenze

  1. Mio padre, come padre, era buono ma severo, onesto ma molto rigido. Dopo la nascita della prima ha subito un cambiamento epico. Una volta gli ho detto: “Papà, lo sai che da quando sono nate le tue nipoti non ti riconosco più?” “Ah, no?? E come mai?” “Ti sei totalmente rincoglionito…” In senso buono ovviamente.

    • Rincoglionito è come si auto-definisce anche il Nonnoprof. Dice che è tutta colpa della sua regressione a livello bambinesco e del fatto che passa troppo tempo con i Bubini anziché con l’universo degli adulti. Ma in realtà è sempre stato rincoglionito 🙂 🙂 🙂 in senso buonissimo ovviamente

  2. Incantevole figura, il tuo Nonnoprof. Ad occhio e croce avrai scatenato l’invidia feroce dell’intero esercito di mamme blogger, lettrici abituali, visitatrici per caso, vicine di casa, parenti, amiche, semplici curiose 🙂
    Io no, questo straordinario nonno non te lo invidio. Mi limito ad ammirarlo profondamente, con il commosso stupore che mi coglie ogni volta che leggo di un uomo così.
    Mio nonno diceva sempre: ” Io ti amo il doppio, perchè ti sono padre due volte”. Quei due si sarebbero piaciuti da matti, ne sono certa.

  3. Hai sicuramente esagerato i miei meriti. Io non mi sacrifico, cerco piacere, godimento. Non capisco i papà e i nonni che si perdono una delle fasi più belle della vita. Ma hai dimenticato quello di cui andavo più orgoglioso: il congiuntivo a 18 mesi e il condizionale a 24.

  4. Pingback: Santa subito « Scusate se son mamma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...